A tu per tutti: rubrica settimanale.

Io GIURO, GIURO che qualunque sia il vostro pensiero in questo momento, lo cambierete non appena avrete finito di leggere questo articolo ( o almeno spero). Pensiero su cosa però , vi starete chiedendo. Ebbene, molti di voi in questi giorni mi hanno chiesto di parlare dei rapporti sociali e del cosiddetto “bullismo”. Non è certo un argomento leggero per molti, ma io credo che per ogni cosa nella vita ci siano lati positivi e lati negativi, bisogna solo saperli cogliere. Per prima cosa, credo che questo fenomeno soprannominato “bullismo” sia solo l’espressione di una società malata ed ormai estremamente squilibrata che da anni si consolida sempre di più. Da questo continuo malessere perciò, nascono dei comportamenti altrettanto malati che attraverso  i loro lati più “forti”, come la cattiveria, l’egoismo e la presunta superiorità non fanno che delineare delle personalità estremamente disturbate. Molti, purtroppo, non sono in grado di contrastare queste personalità così forti e così presenti nelle loro vite ed è per questo che scelgono di mettersi da parte senza mai agire. Il fatto è questo ragazzi, io non sono una che piange sul latte versato, non ho mai avuto “paura” di quelli che ostentavano caratteristiche che poi nella realtà non avevano , come la forza, l’intelligenza o l’astuzia … la maggior parte delle volte, se non tutte le volte, si rivelavano dei veri e propri imbecilli, capaci solo di comporre frasi di senso, non sempre, compiuto. L’unico punto di forza che riconoscevo in queste persone era che , inspiegabilmente, nessuno era mai capace di andargli contro, era come se nessuno , oltre me , si accorgesse di quanto fossero rudi e sgradevoli. Ma nonostante ciò, non ho mai smesso di dire la mia, ho sempre detto tutto ciò che pensavo anche quando ero sola contro tutti … e anche se magari in quel momento era difficile, andando avanti con il tempo non mi sono mai pentita di aver detto al più “bullo” della classe quanto fosse schifoso, per non parlare poi di tutti quelli che facevano le doppie facce, quelli che prima ti aiutano e poi ti sparlano, quelli che ti girano le spalle quando meno te lo aspetti. Insomma, nella vita tutti abbiamo dovuto condividere il nostro spazio con gente che non ritenevamo alla nostra altezza o con degli inetti e non dobbiamo neanche imparare a farlo se non vogliamo. Se non vi piace il comportamento di qualcuno perché magari è sopra le righe, DITEGLIELO! URLATEGLIELO! SCRIVETELO IN DEI CARTELLONI E APPENDETELI IN TUTTA  OVUNQUE POSSA VEDERLI! Ma ricordatevi una sola regola: non scendete MAI al loro livello, altrimenti avrete perso la vostra battaglia prima ancora di iniziarla.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...